Dal 1° gennaio 2020 il turismo dell’olio ha la sua legge. Un emendamento approvato con la Legge di Bilancio 2020, ha dato un forte “input” all’oleoturismo, equiparando le sue attività a quelle che si realizzano in ambito enoturistico. Un grande risultato a cui ha contribuito l’Associazione nazionale Città dell’Olio che, negli ultimi anni, si è fortemente impegnata su questo tema lavorando alacremente alla costruzione delle bozze dei decreti attuativi che renderanno esecutiva la legge.

Per dare ancora più slancio all’offerta turistica legata al mondo dell’olio di oliva in forte espansione, nasce un’iniziativa mai pensata prima: il I° Concorso nazionale Turismo dell’Olio.

DOLIANOVA: Città dellOlio

Dolianova partecipa con due 𝑏𝑒𝑠𝑡 𝑝𝑟𝑎𝑐𝑡𝑖𝑐𝑒/𝑒𝑠𝑝𝑒𝑟𝑖𝑒𝑛𝑧𝑒 al Concorso Nazionale Turismo dell’Olio. Una grande opportunità per dare visibilità e valore alle proposte turistiche ed alle attività esperienziali del nostro territorio a cui si darà risalto attraverso i media e la promozione sui canali di comunicazione web e social dell’Associazione nazionale Città dell’Olio.

l’oro giallo di Dolianova

Le due proposte del nostro territorio, che concorrono a due categorie diverse, saranno valutate da una giuria di esperti.

Le proposte di Dolianova in concorso

Un 𝐩𝐫𝐞𝐦𝐢𝐨 𝐬𝐩𝐞𝐜𝐢𝐚𝐥𝐞 sarà riservato anche all’esperienza turistica che avrà ricevuto più voti dalla Giuria popolare, che può esprimere il suo 𝐯𝐨𝐭𝐨 𝐨𝐧𝐥𝐢𝐧𝐞. Ecco le due proposte del nostro territorio che potete votare per aiutare Dolianova:

Come votare

Una volta effettuato l’accesso alla pagina, è necessario cliccare su “VOTA QUESTO PROGETTO” (sopra “Titolo Esperienza”), e poi su “Registrati”. Dopo essersi registrati con indirizzo e-mail e password, è poi possibile votare. E’ possibile esprimere la propria preferenza anche per tutti e due i progetti.

il Museo dell’olio Sa mola de su notariu

La premiazione nazionale avverrà, in occasione dell’Assemblea nazionale Città dell’Olio, con un evento istituzionale dedicato. 𝗟’𝗲𝘃𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗽𝗿𝗲𝗺𝗶𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗮𝘃𝗿𝗮̀ 𝘂𝗻 𝗳𝗼𝗿𝘁𝗲 𝘃𝗮𝗹𝗼𝗿𝗲 𝗰𝗼𝗺𝘂𝗻𝗶𝗰𝗮𝘁𝗶𝘃𝗼, 𝘀𝗶𝗮 𝗮 𝗹𝗶𝘃𝗲𝗹𝗹𝗼 𝗻𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗰𝗵𝗲 𝗿𝗲𝗴𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲, grazie al lavoro di ufficio stampa svolto dall’Associazione nazionale Città dell’Olio.